HOME LOGIN CERCA
COSA FACCIAMO
Io non rischio 2016
IO NON RISCHIO: TERREMOTO E ALLUVIONE, 15 e 16 ottobre 2016

Per il sesto anno consecutivo il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si sono impegnati insieme in una campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Nel fine settimana di sabato 15 e domenica 16 ottobre oltre 4.000 uomini e donne volontari di protezione civile hanno allestito punti informativi “Io non rischio” in circa 730 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini, sui rischi sismico, alluvioni e maremoti.

Anpas Liguria è stata presente nella nostra regione con quattro postazioni incentrate su due dei tre temi portanti della campagna, che sono poi nel concreto quelli che maggiormente interessano il nostro territorio:

- Genova: ALLUVIONE; postazione in Piazza de Ferrari
- Sarzana: TERREMOTO; postazione in Piazza Matteotti
- Albenga: TERREMOTO; postazione in Piazza del Popolo
- Finale Ligure: ALLUVIONE; postazione in Piazza di Spagna

Lo scopo è stato quello di accogliere e incontrare la cittadinanza sì per divulgare materiale esplicativo ma specialmente per spiegare – talvolta raccontare – i temi e rispondere alle domande sulle norme di comportamento preventivo. Tale possibilità resta valida anche dopo le giornate della campagna, visto che le Pubbliche Assistenze Anpas Liguria sono presenti in modo permanente in tutta la Liguria.

Il Presidente Lorenzo Risso: «Anche quest'anno i nostri volontari saranno presenti e disponibili su alcune piazze della Liguria per incontrare e offrire ai cittadini indicazioni e suggerimenti indispensabili per limitare i possibili danni derivanti da calamità di origine sismica o idrogeologica. Noi viviamo in una regione che presenta delle criticità per cui è utile essere ben informati sui rischi che si possono correre, in particolare sull’alluvione e il terremoto. Il mio personale invito è quindi di sfruttare questa occasione».